I Bruttini

Perché proprio Bruttini? Domanda semplice, risposta complicata.

In poche parole mi verrebbe da rispondere: perché non sempre brutto corrisponde a cattivo, anzi… Ecco perché ho voluto creare un esercito di personaggi buffi e con evidenti difetti fisici che fossero però in contrasto con il loro gran cuore. Il concetto di fondo di tutto il romanzo è proprio l’aspetto fisico: non bisogna giudicare un regalo dalla confezione, come non bisogna giudicare chi ci sta di fronte dal suo suo viso piuttosto che dalla sua corporatura. E così i Bruttini sono “difettosi” sia fisicamente sia caratterialmente, sono timidi o sbruffoni, alcuni non si lavano e mangiano troppo, altri sono logorroici e altri ancora super fifoni. Fanno scherzi e si beccano tra di loro, ma si vogliono bene, amano il prossimo e sono disposti a correre dei rischi per il bene degli altri. Conosciamoli uno a uno…

Kristal

Dobbiamo per forza iniziare da lei, la giovane guerriera dalle lunghe trecce rosse che ha fatto le audizioni per trovare i giusti personaggi per l’Esercito dei Bruttini. Di lei si potrebbe pensare che è il capo dell’esercito, ma nell’esercito non esistono né capi né subordinati, tutti sono uguali con i loro pregi e i loro difetti. Kristal, però, ha la stoffa da leader e lo dimostrerà in più di un’occasione. Kristal ama i cimiteri, perché li ritiene luoghi di pace non di terrore. Nei cimiteri lei non vede la morte, bensì il dolce dormire eterno delle persone che amiamo e che ci portiamo sempre nel cuore. Kristal è golosa e ama vestire in maniera stravagante.

La Kuro

Nome di battaglia La Belva Oscura. Dopo Kristal è la prima a dover essere presentata, non perché sia più importante di altri Bruttini, ma perché essendo il gatto di Kristal non ha dovuto fare alcun provino per entrare nell’esercito. La gattina dal lucido pelo nero è molto dispettosa e talvolta un po’ aggressiva. Nella sua coda nasconde un’arma potente, per questo vi consigliamo di non toccargliela mai. Devo confessarvi una cosa: la Kuro esiste davvero, è la mia gattina nera e molto di ciò che leggerete nel romanzo su di lei è vero. Vietato toccarle le coda!!!

Pancio

Anche se non si sopportano fa coppia fissa con la Kuro. Pancio è un essere peloso e puzzolente che ama il cibo. Essendo molto sbadato quando mangia – in continuazione – si sporca e per questo il suo pelo da bianco è diventato marroncino. Pancio è timido e sospettoso, è anche curioso e fifone, quando ha paura suda molto… ecco perché poi puzza! Per questa sua peculiarità ha ricevuto il suo speciale nome di battaglia. Scoprite qual è leggendo il romanzo…

Lavi

Soprannominato Satin per il suo pelo soffice come la seta, Lavi è un coniglietto con orecchie e zampe lunghissime nelle quali inciampa in continuazione. A causa di un incidente ha perso un occhio che copre con una benda da pirata. Dopo l’incidente è stato abbandonato da chi prima lo riteneva un tenero batuffolo bianco tutto da coccolare.

Brachyura

Il suo nome di battaglia è Monocrostaca perché Brachyura è un piccolissimo granchio dotato di una sola grandissima tenaglia in acciaio. Brachyura è un granchio logorroico, ma è talmente piccolo che la sua voce a stento si percepisce e la sua immagine è nitida solo attraverso una lente di ingrandimento.

Roundweiler

Se siete dei fifoni non avete idea di quanto lo sia Roundweiler, un cane rozzo, zozzo, con un grosso gozzo che vive in un pozzo con il suo amico Mozzo. Se vi capita di vedere in giro una coperta con quattro zampe è sicuramente lui che cerca di passare inosservato…

Lallara Narco

Ecco la segretaria dell’Esercito dei Bruttini e padrona di Kratos. Si tratta della migliore amica di Kristal e come suggerisce il suo cognome è più addormentata che sveglia. Quando non vive nel mondo dei sogni, però, Lallara Narco è ligia al dovere ed è un’amica fedele.

Kratos

Kratos è il gatto di Lallara Narco, per questo non parla quasi mai. Si tratta di un felino molto forte e muscoloso, al contrario la sua testa è particolarmente piccola.

Generoso Tappabuchi

Il professore Generoso Tappabuchi è una figura fondamentale per l’Esercito dei Bruttini. Si tratta di uno scienziato tuttofare capace di aggiustare tutto con le sue minuscole mani. I suoi piedi sono grandi come quelli di un Bigfoot e i suoi occhiali spessi come fondi di bottiglia. Generoso Tappabuchi è il servizio assistenza ed emergenza dell’Esercito dei Bruttini.